Print this page

Pulizia dei denti

I depositi:

I depositi sui denti si formano da cibi e bevande che consumiamo quotidianamente. Nei resti di cibo si annidano anche una quantità di batteri. Lavando i denti, i depositi si eliminano con relativa facilità, evitando così la formazione del tartaro, che si forma dai depositi che rimangono di giorno in giorno.

Contromisure:

  • lavarsi i denti bene, più volte al giorno
  • uso di strumenti per pulire gli spazi interdentali
  • consumo ridotto di cibi contenenti carboidrati appiccicosi

Discromia (modifiche del colore):

I cibi colorati (caffè, tè ecc.) e il fumo formano un sottile strato grigio scuro sulla superficie dei denti. Questo strato di colore inizialmente si elimina, ma con il passare del tempo permane anche dopo aver lavato i denti. Questa discromia non è necessariamente tartaro, è piuttosto un problema estetico.

Contromisure:

  • lavarsi i denti bene, più volte al giorno
  • Pulitura Air-Brush: una sbianca tura naturale

Il tartaro:

Il tartaro si forma dai depositi che rimangono sui denti e dai sali minerali presenti sciolti nella saliva. La superficie ruvida del tartaro causa infiammazioni nella gengiva. A causa dell'infiammazione l'osso, che tiene fermo il dente, comincia ad atrofizzarsi e a lungo andare i denti cominciano ad allentarsi.

Contromisure:

  • rimozione del tartaro con ultrasuoni
  • regolare pulizia professionale dei denti

La piorrea:

La piorrea può causare problemi molto seri. Il tartaro che permane per lungo tempo intorno al colletto del dente causa infiammazioni croniche in profondità. L'infiammazione può portare ad un notevole deperimento osseo ("consuma l'osso” per così dire). Se c'è anche una certa familiarità genetica (p.es. immunità ridotta in bocca), i denti col tempo si allentano.

Contromisure:

  • SOLO PREVENZIONE! regolari trattamenti di igiene dentale almeno ogni sei mesi
  • Se è già iniziato il deperimento del paradenzio, si può ricorrere a metodi di igiene dentale e con trattamenti laser del paradenzio

Media