Print this page

Parodontite: sintomi e cura

Sai che la parodontite è una delle malattie più diffuse in Italia? Si tratta di una malattia che colpisce i tessuti di sostegno del dente e che con il passare del tempo porta alla definitiva perdita dei denti. Conoscerla, diagnosticarla e soprattutto curarla in tempo è possibile. Se diagnosticata per tempo può essere curata mantenendo il dente naturale nella sua posizione evitandoti altri problemi come estrazioni o interventi di implantologia. Abbiamo approfondito il tema della diagnosi e della cura della parodontite per aiutarti a cogliere i segnali che ti lancia il tuo corpo.

PRENOTA UNA VISITA

La parodontite (piorrea) conosce diverse cause, tra le più importanti vi sono la predisposizione ereditaria, la placca batterica, il fumo, il diabete, lo stress e alcuni farmaci. Il trattamento che il dentista può mettere in atto per curarla varia a seconda del grado di gravità della malattia.

Ligiene orale è importante

Oltre ad evitare completamente il rischio di sviluppare questa malattia, l’igiene orale permette di diagnosticarla in tempo e curarla senza lasciare tracce e salvaguardando il dente. E’ importante però che anche il paziente stesso sappia individuare i campanelli d’allarme di questa patologia per correre a riparo il prima possibile.

I sintomi della parodontite

  • Sanguinamento gengivale

Se le gengive sanguinano è evidente che qualcosa non va ed è questo un chiaro sintomo di una infezione in atto. Non aspettare e verifica la causa.  

Prenota una visita dal dentista

 

  • Alito cattivo

La placca batterica che si trova sulle superfici dei denti, delle gengive e della lingua viene utilizzata dai batteri responsabili della parodontite e producono composti che sono la causa principale del cattivo odore. Se non spazzoli i denti, eliminando i batteri, questi produrranno via via sempre più odore e cattivo alito.

  • Recessione gengivale (il ritiro della gengiva verso la radice del dente)

Quando controlli allo specchio di aver lavato bene i denti dai un’occhiata anche al colore e alla forma delle tue gengive.

  • Mobilità dentale

Se si notano cambiamenti nel sorriso dovuti a spostamenti, diastemi (spazi tra i denti) che si allargano o si restringono allora è il momento di correre ai ripari. Man mano che la malattia avanza infatti la progressiva distruzione del legamento parodontale e dell’osso alveolare favorisce la mobilità degli elementi dentari coinvolti, con la possibilità di spostamento dei denti.

Ora che hai capito quali possono essere i sintomi della parodontite rivolgiti ad un dentista specializzato per conoscere le possibili soluzioni.

 

Presso il nostro studio

Se è già iniziato il deperimento del parodonto, si può ricorrere a metodi di igiene dentale e trattamenti laser.

Negli ultimi anni questo strumento ha trasformato l’approccio a questa malattia riducendo al minimo l’invasività e dunque anche il disagio dei pazienti.

Milioni di individui ogni anno soffrono di malattia parodontale, ma solo una piccola percentuale effettivamente viene trattata.

Contattaci qui